Home page   |   Mappa del sito   |   Scrivici   |   
Home -

 La Cittą
 Come arrivare
 Cenni storici
 Dettagli
 Stranieri
 Le Chiese
 Le Scuole
 Camminando per...
 Dove Mangiare
 Il Comune
 Il Sindaco
 La Giunta
 Il Segretario comunale
 Delib. Giunta
 Delib. Consiglio
 Ordinanze
 Il Consiglio
 Determine Sindacali
 Regolamenti
 Trasparenza, valutazione e merito
 Adempimenti ANAC
 News & Eventi
 News
 Calendario
 Uffici & Servizi
 Determine
 Bandi di Gara
 Statuto
 Comunicati Stampa
 Link Istituzionali
 Meteo
 Atti Amministrativi
 Delibere di Giunta
 Delibere del Consiglio
 Determine Dirigenziali
 Determine Sindacali
 Ordinanze Sindacali
 Ordinanze Dirigenziali
 Det. Commissari ad Acta
 Albo Pretorio
· Albo Pretorio

foto
foto Contatti
Invia un quesito
foto Dove Siamo
Indicazioni e recapiti
foto Mailing List
Iscriviti e ricevi le novitą
foto Calcolo C.F.
Calcola il Codice Fiscale
foto Email
per visionare le posta
foto Dove Dormire
Hotel


SELEZIONA L'ANNO
2002 - 2003 - 2004 - 2005 - 2006 - 2007 - 2008 - 2009 - 2010 - 2011 - 2012


12-09-2003 Ordinanza: nº n° 4
Revoca dell'Ordinanza n. 13 del 02/06/1998 Ordinanza n° 4 del 12/09/2003 Pubblicata all'albo pretorio dal 12/09/2003 al 27/09/2003 -Con proprio provv. n. 13 del 2/06/98 è stato ordinato alla cittadinanza di non utilizzare l'acqua proveniente dall'acquedotto Comunale, per uso potabile, a causa della presenza di solfati superiori alla concentrazione massima ammissibile; -Per consentire l'uso potabile sono stati adottati tutti i rimedi tecnici necessari, tra cui la miscelazione dell'acqua proveniente dai propri pozzi di C/da Mascione e quella fornita dall'E.A.S. mediante l'Acquedotto Maguli; -Con nota n. 1565 dell'11/09/2003 il Servizio Tecnico Manutentivo del Comune ha comunicato che sulla scorta dei referti presentati del Laboratorio di Analisi Chimiche Dr. Licitra & C. da Ragusa, l'acqua distribuita alla cittadinanza dopo idonea miscelazione ha assunto le caratteristiche di potabilità fissati dal D.P.R. 236/88.
21-07-2003 Ordinanza: nº n° 3
Ordinanza di Ingiunzione alla Demolizione di opere Abusive. Pubblicata all'albo pretorio dal 01/07/2003 al 15/07/2003
21-05-2003 Ordinanza: nº n° 2
Rimozione di erbe, arbusti e rami secchi nonché rifiuti e quant’altro possa essere veicolo di incendio; IL SINDACO Considerato che l’approssimarsi della stagione estiva può favorire l’insorgere ed il propagarsi di incendi nelle aree incolte e/o abbandonate; Rilevato che nel territorio comunale sono presenti, anche in prossimità di aree aperte al pubblico uso, terreni incolti ed infestati da sterpi ed arbusti, che possono considerarsi facile esca e/o strumento do propagazione del fuoco; Ritenuta la necessità di adottare iniziative volte a prevenire eventi di pericolo per la pubblica incolumità; Visto l’art. 33 della L.R. 6 Aprile 1996 n. 16 che prevede la previsione e prevenzione del rischio incendi bo-schivi e la lotta contro gli incendi dei boschi e della vegetazione, l’espletamento dell’attività di protezione del pa-trimonio forestale pubblico e privato, dei terreni agricoli, del paesaggio e degli ambienti naturali, nonché della ga-ranzia della sicurezza delle persone; Vista la legislazione nazionale (L. 225/92, D.L. 112/98) e regionale (L.R. 14/98) in materia di Protezione Ci-vile che individua il Sindaco quale autorità massima di Protezione Civile nell’ambito della pianificazione d’emergenza comunale; Viste le leggi Nazionali e Regionali in materia; Visti gli artt. 449 e 650 del C.P.; ORDINA A tutti i proprietari di terreni incolti o, se coltivati, fortemente ineriti, ricadenti nel territorio comunale, di provvedere a rimuovere le erbe secche, gli arbusti ed ogni altra possibile fonte di incendio dai terreni suindicati en-tro gg. 10 (dieci) dalla presente Ordinanza. In particolare occorre: Ø provvedere alla rimozione di erbe, arbusti e rami secchi nonché rifiuti e quant’altro possa essere veicolo di incendio; Ø realizzare fasce di terreno spegni fuoco non inferiore a mt. 5 lungo i confini con strade, sentieri e edifici. Qualora sia accertato che la mancata osservanza, della presente, da parte del privato, possa costituire potenziale pericolo per la pubblica incolumità, l’Amministrazione comunale potrà agire in danno agli stessi. Gli inadempienti saranno responsabili dei danni che si dovessero verificare, a seguito di incendi a persone e/o a beni mobili e immobili per l’inosservanza della presente Ordinanza e saranno denunziati ai sensi degli artt. 449 e 650 del C.P. Il Comando di Polizia Municipale è incaricato della esecuzione della presente Ordinanza. Il Segretario Generale Dr. Ezio Baglio Il Sindaco Nunzio Busacca
24-01-2003 Ordinanza: nº n° 1
Chiusura plesso elementare Via della Libertà Pubblicata all'albo pretorio dal 24/01/2003 al 08/02/2003
Provincia di Catania
Regione Sicilia
Comune di Mazzarrone - P.zza Autonomia - Tel. 0933.33111 - E-mail:info@comune.mazzarrone.ct.it - PEC Certificata : info@pec.comune.mazzarrone.ct.it